Sposiparma.it

LA CITTA'

  La Rocca Sanvitale
  Le Chiese
  Il teatro
  Fiere e Manifestazioni
  Mercatino antiquariato
  Premi e Concorsi
  Ambiente
  Gastronomia
 
 
LINK
Parmigiano Reggiano
Foreuses géothermique a vendre et d'occasion
Gruppi Tramelli
Prodotti Tipici Marketing
Tipic Hotels
Notte Caliente
 
 
I SERVIZI

 
Municipio
  Numeri Utili
  Trasporti
  Utilità
  Farmacie
  Anziani
  Sport Locale
Annunci Immobiliari Fontanellato
 
 
IL TURISMO

  Vie d'accesso
  Cenni storici
  La famiglia S.Vitale
 
 
VARIE

  Home
  Chi Siamo
  Links
  Suggerimenti?
  E-mail
 
  LA ROCCA DI S.VITALE
Uno dei più interessanti fortilizi di tutta la regione: splendido esempio di architettura militare e residenziale, ricca di preziosi affreschi, fra cui un importantissimo ciclo di Parmigianino,
è perfettamente conservata sia all'esterno che all'interno. Eretta all'inizio del '400 sull'area di una preesistente fortezza dei Pallavicino risalente al secolo XII, è formata da quattro corpi di diverso spessore, delimitati esternamente da una cortina merlata con quattro torri angolari
- tre cilindriche e una quadrata
- e da un ampio fossato, risistemato all'inizio del XVII secolo dall'architetto parmense Smeraldo Smeraldi.
I balconcini e le finestre furono aggiunti durante le ristrutturazioni settecentesche; nella parte destra della facciata, al di sotto dell'attuale copertura, si notino i merli ghibellini accecati.

Si visita tutti i giorni, ore 9.30-11.45, 15-18.15; da ottobre a marzo è chiusa il lunedì e la visita è consentita fino alle ore 17.

Dal cortile si sale al primo loggiato, dove si accede alla sala d'Armi con un'ampia collezione di armi dei secoli XVII-XIX e ritratti di famiglia. Attraverso la sala da pranzo si giunge nella sala del Biliardo, che presenta soffitto e pavimento del tardo '400 e arredo ottocentesco; a destra si entra nella sala di Maria Luigia, dove, tra i cimeli della duchessa, si segnala la mano con fiore al polso realizzata nel 1820 da Antonio Canova. Il soffitto della sala da ricevimento, con travature dipinte a monocromo e fregio pittorico, risale al tardo '600; si notino inoltre il lussuoso arredamento settecentesco, una bella spinetta dipinta e uno stipo realizzato in ebano da un maestro nordico dei secolo XVII.

Si accede quindi alla splendida camera nuziale, con ricco arredo seicentesco e soffitto a lacunari, proveniente dall'antico santuario della Madonna; infine, attraverso la sala da ricevimento, si passa nella galleria dei Ritratti di famiglia, per lo più realizzati da un anonimo artista seicentesco.
Una serie di sale al pianterreno, cui si accede ridiscendendo in cortile , è adibita a museo; si passa poi nella sala con il teatrino dei figli della duchessa Maria Luigia e in quella chiamata delle Donne equilibraste, dove frammenti di affreschi compongono un fregio

monocromo popolato di amorini, figure femminili, sfingi e animali adagiati su un filo: sia questa decorazione che quella della sala seguente, la saletta degli Amorini, sono attribuite a un allievo di Cesare Cesariano. Si prosegue, all'interno dei torrione angolare, nella sala delle Grottesche: la tela delle Virtù teologali e cardinali è attribuita a Carlo Francesco Nuvolone. Si accede quindi alla smetta di Diana e Atteone: affrescata intorno al 1523, è considerata uno dei più raffinati e preziosi capolavori di Parmigianino, che verosimilmente si ispirò all'opera di Correggio della camera di S. Paolo a Parma. La volta è decorata con putti sullo sfondo di un fitto pergolato con, al centro, un ampio squarcio di cielo; all'apice dei soffitto un piccolo specchio rotondo reca il monito “respice finem” di chiaro respiro umanistico. Nelle 14 lunette sottostanti è raffigurato - secondo l'interpretazione più accreditata - il mito di Diana e Atteone, la cui ispirazione deriva dal ricco repertorio poetico delle “Metamorfosi” di Ovidio. La piccola stanza viene considerata il “boudoir” di Paola Gonzaga, moglie di Galeazzo Sanvitale, che commissionò gli affreschi e che troviamo ritratta nella figura femminile sopra la finestra. Concludono la visita la Camera ottica, nella quale, attraverso un ingegnoso sistema formato da specchi costruito alla fine dell'800, si vede riflessa la piazza del paese, e l'oratorio , del1688, collocato nella parte superstite del mastio antico.

L'ampio spazio verde che sorge davanti alla Rocca preceduto dall'edificio delle ex scuderie del castello era, sino al XIX sec., parte integrante del castello stesso e lo collegava con il fossato esterno del paese. Al suo interno i Conti avevano creato orti botanici e serre fredde tuttora esistenti. Il Conte Giovanni Sanvitale cedette la proprietà nel 1935 alla famiglia Gandini che provvide al restauro delle parti murarie. Il parco e le scuderie con il portico sono proprietà privata.
AZIENDE ON-LINE
• Cerca per
  Categoria

• Aggiungi la tua
  Azienda

• Pubblicità su
  Fontanellato Web

• Cerca un' Azienda

La custodia: archiviazione
 La Ricetta
Ogni giorno una ricetta diversa, per creare menù semplici ed appetitosi.
L'Oroscopo 
Nuovo tutti i giorni, in collaborazione con Oroscopofree.
La custodia: archiviazione
 Altri Siti
Terreverdiane.it
Verdi Sapori

Busseto Web
Felino Web
Fidenza Web
Fontevivo Web
Noceto Web
Polesine Web
Salso Web
 Soragna Web
 Zibello Web
San Secondo Web
Roccabianca Web
• Sissa Web
• Trecasali Web
I Cinema 
Tutti i cinema delle province di Parma e Piacenza.

Web Design by Cities Web. This Page is © Cities Web.
All rights reserved Cities Web 06/2002.